In molti ormai si sono accorti del grandissimo seguito di pubblico negli stadi della Bundesliga, oltre 40000 spettatori di media(qui dettagli sulla >classifica mondiale delle presenze medie negli stadi, qui >dettagli Bundesliga), dei costi per abbonamenti e biglietti tra i più bassi d'Europa(>dettagli qui), della grande atmosfera presente durante le partite, del grande lavoro sui giocatori nazionali e sulle giovanili che hanno generato una serie di ottimi giocatori, sebbene non propriamente top-player, ma di altissimo livello.

Significativa l'importanza della sostenibilità economica del calcio tedesco, nella scorsa stagione complessivamente la Bundesliga ha chiuso in positivo di circa 55 milioni di Euro (con un giro d'affari di oltre 2 miliardi di Euro, qui >dettagli sui ricavi, qui >dettagli sui costi), direttamente collegata alla regola del 50 + 1(il 50% + 1 delle quote societarie non può essere, per legge, di proprietà di un singolo, con le uniche eccezioni del Wolfsburg e del Bayer Leverkusen avallate dai tifosi, gli altri club sono controllati da un' associazione di tifosi denominate eingetragener Verein (eV)), qui modello tedesco >parte1 >parte 2) che ha preservato e preserva il settore calcio dalla speculazione di privati(esattamente l'opposto di ciò che avviene in Italia), divenendo nel tempo uno dei fattori che, a monte, ha reso il calcio tedesco, la cui ricostruzione è bene ricordarlo è partita oltre un decennio fa, economicamente in grado di una programmazione nel lungo periodo(in Italia spesso totalmente assente).(qui dettagli >Report 2013 della Bundesliga).

Ma non solo equilibrio economico, la forza del calcio tedesco anche deriva dal grande coinvolgimento dei tifosi in ogni aspetto del club, di seguito riporto alcuni video realizzati per raccontare, dal punto di vista del tifoso, la realtà del calcio tedesco e dell'azionariato popolare.

Il primo è film documentario sul St. Pauli e sull’Amburgo per raccontare il modello tedesco di Azionariato Popolare realizzato da MyROMA, l' AS Roma SupportersTrust. Il video è autoprodotto e mira a fare la giusta informazione sull’argomento vista la sconcertante superficialità con cui viene trattato questo tema da parte della stampa.




La seconda parte è dedicata alla raccolta di video realizzata da SportEconomy.it e racconta dalle voci dei tifosi la celebre realtà del St Pauli, il secondo club di Amburgo fondato sin dalle origini (dal lontano 1910) sull'azionariato popolare. Un club di proprietà dei tifosi la cui operatività è totalmente gestita dai supporter da ben 100 anni.

Parte 1 qui:

Parte 2 qui:

Altro su St. Pauli:

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: