» » » » » » » » » » Gli Ultras del Borussia Dortmund contro il Monday night: "Il calcio vive nello stadio, non in televisione!"


I tifosi del Borussia Dortmund hanno annunciato che boicotteranno la partita casalinga del lunedì sera contro l'Augsburg in segno di protesta contro l'orario assurdo legato allo slot televisivo del Monday night.

La prima metà della stagione della Bundesliga 2017-18 è stata contrassegnata da importanti proteste sugli spalti con una schiera trasversale di tifoserie che ha espresso il proprio disappunto per la crescente commercializzazione del calcio tedesco(tra cui tentativi di modificare la regola del 50% +1, qui dettagli).

Ora, mentre la seconda metà della stagione inizia, le proteste sono destinate a continuare con un'altra novità impopolare arrivata nella massima serie tedesca: i match al lunedì sera.

A giugno 2016 la DFL aveva annunciato l'introduzione di cinque partite della Bundesliga, a partire dalla stagione 2017-18, da disputare il lunedì sera e ora ha programmato i primi tre match: Eintracht Frankfurt contro RB Leipzig (19.02), Borussia Dortmund vs Augsburg (26.02) e Werder Bremen vs. Colonia (12.03).

Secondo la DFL lo scopo del nuovo slot del lunedì sera è quello di dare alle squadre che giocano l'Europa League un giorno di riposo in più, ma molti tra i tifosi credono che sia esclusivamente a beneficio delle emittenti televisive e degli spettatori sui divani, e che non tenga minimamente conto dei tifosi che vanno allo stadio a seguire dal vivo le partite della propria squadra.

"Il calcio vive nello stadio, non in televisione!"

Di conseguenza i fan del Borussia Dortmund hanno annunciato l'intenzione di boicottare la partita casalinga della loro squadra contro l'Augsburg, prevista per lunedì 26 febbraio (calcio d'inizio: 20:30).

"Abbiamo regolarmente preso parte alle proteste a livello nazionale contro l'introduzione delle partite del lunedì sera in Bundesliga", si legge in un comunicato del Bündnis Südtribüne Dortmund, sigla che raccoglie un'alleanza dei fans club del Borussia Dortmund. "Ora il confine tra ciò che è accettabile è stato superato e non faremo più parte di queste assurde programmazioni".

"L'introduzione delle partite il lunedì sera in Bundesliga è un altro passo nella svendita del calcio ... che serve solo agli interessi dei club, delle associazioni e delle emittenti", continuano i tifosi del Dortmund, puntando il dito anche contro il proprio club.

"Sfortunatamente, BVB non fa eccezione", riporta il comunicato. "Quando spuntano nuove fonti di denaro, sono chiaramente felici di dimenticare la loro responsabilità nei confronti della loro base del tifo".

Il Bündnis Südtribüne Dortmund comprende 2.261 membri individuali e 38 fan club, compresi i tre principali gruppi ultras che sono i principali artefici dell'atmosfera mozzafiato e delle coreografie sul famoso Muro Giallo(Video). Con altri gruppi di tifosi non affiliati che si sono uniti al boicottaggio, e ad altri fan semplicemente non in grado di partecipare ad una partita di lunedì sera, gli addetti ai lavori ritengono che fino a 10.000 supporters potrebbero abbandonare la partita.

"La Bundesliga ama presentarsi con i suoi splati suggestivi e gli stadi esauriti", continua la nota. "Ma quando le partite sono programmate in momenti in cui nessuno può farcela, si rivela l'incredibile indifferenza verso l'importanza sociale del calcio e dei fan che rendono il gioco quello che è. Gli orari devono adattarsi ai fan! Il calcio vive nello stadio - Non in televisione! "

L'ex giocatore del Borussia Dortmund Kevin Großkreutz ha espresso il suo sostegno alla protesta. "Il nostro calcio non deve essere perso, i tifosi sono il calcio e, come giocatore, sostengo la protesta", ha detto il vincitore della Coppa del Mondo. "Funzionerà solo se rimaniamo uniti, non si dovrebbe permettere che ciò che è successo in Inghilterra e in altri paesi avvenga qui, dove i fan sono stati completamente dimenticati".

(Traduzione e adattamento da dw.com)

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: