I termini di 'azionariato popolare' e 'Supporters Trust' associati ai gruppi italiani presenti sul blog stanno ad indicare associazioni o cooperative di tifosi che si organizzano formalmente per dare vita ad un soggetto giuridicamente riconosciuto che si pone come obbiettivo quello di instaurare un dialogo costruttivo con il Club di riferimento.

Con la diffusione anche in Italia della struttura dei Supporters Trust, nata e sviluppata nel Regno Unito, anche le forme di azionariato popolare nostrane hanno assunto le caratteristiche tipiche della tradizione inglese.

Una delle caratteristiche basilari di un azionariato popolare o Supporters Trust è la nascita ''dal basso'', dall'iniziativa dei tifosi per differenziarsi dalle vere e proprie collette, organizzate in passato da presidenti e amministratori per ripianare i debiti dei club, che spesso rievocano pessimi ricordi ai tifosi che guardano ancora a queste nuove iniziative con aria scettica.

Lo scopo sociale è quello dell'acquisto di quote societarie, attraverso un'associazione o cooperativa, che, assicurata un'ampia democraticità interna, si fa portavoce degli interessi dei tifosi e svolge un ruolo di controllo su tutti gli aspetti della gestione del club, sebbene senza interferenza sugli aspetti tecnici della squadra(giocatori, allenatori, staff tecnico).

Click qui per la lista delle associazioni italiani riconosciute


Scopi sociali:

  • Incoraggiare il consiglio dirigente del Club a tener conto degli interessi di tutti i tifosi (sia residenti nei confini nazionali che all'estero) e della comunità locale (imprese locali, residenti, autorità ecc) quando si prendono decisioni che hanno un impatto su di loro 
  • Coinvolgere attivamente e professionalmente tutte le parti interessate su temi legati al club 
  • Agire come mezzo di comunicazione tra i tifosi e la dirigenza del club
  • Incentivare discussioni su tematiche rilevanti da presentare all'attenzione del club
  • Collaborare con istituzioni e altri Supporters Trust su questioni come prezzi dei biglietti, orari dei match ed ogni aspetto legato al tifoso
  • Acquistare quote del Club
Approfondimenti su iogiocopulito.it

Tifosi in risposta alla crisi del pallone?

Partecipazione attiva dei supporters nella governance. La risposta alla crisi del pallone arriva dal basso
http://infoazionariatopopolarecalcio.blogspot.it/2016/12/su-iogiocopulitoit-supporters-nella.html


Altri approfondimenti


Qui : I Supporters' Trust italiani alla Loughborough University, U.K.(Novembre 2014)

Qui alcuni articoli di approfondimento: http://infoazionariatopopolarecalcio.blogspot.it/2011/10/cosa-e-in-concreto-lazionariato.html

Le organizzazioni di tifosi in questi anni hanno visto il loro numero crescere, supportati nelle loro operazioni da iniziative governative e private, anche la UEFA ha riconosciuto l’importanza del fenomeno. Nascono in Inghilterra negli anni 90 col fine di intervenire per salvare diversi club inglesi dal fallimento. Vediamo ora che si intende per Trust di tifosi.

I Supporters’ Trust sono delle organizzazioni formali, democratiche e senza profitto, create dai tifosi che vogliono aumentare l'influenza sulla conduzione della propria squadra, tale scopo è raggiungibile non solo attraverso il possesso di quote societarie, quindi con un amministratore delegato all'interno del Consiglio di amministrazione, ma anche sviluppando una fitta rete di contatti con il board dirigenziale del Club senza la necessità di entrare nell'azionariato della società.

Le principali caratteristiche di associazioni e cooperative che si sono sviluppate sono:

  • Democratici
  • Senza scopo di lucro (no profit)
  • Di proprietà e gestiti dai tifosi
  • Focalizzati sulla comunità
  • Giuridicamente riconosciuti ed a responsabilità limitata
  • Non esclusivi
  • Responsabili, trasparenti ed aperti
  • Potenti abbastanza da influenzare e perfino aiutare la gestione dei club
  • Flessibili abbastanza da poter operare con 100, 1.000, 10.000 o più membri.

Democratici: i meccanismi interni, certificati dallo statuto dell'associazione/cooperativa, garantiscono la massima democraticità con il principio del 'una testa un voto' a prescindere dalla quota di adesione versata che varia da gruppo a gruppo.

Senza scopo di lucro (no profit): gli eventuali utili realizzati dalle associazioni vengono costantemente reinvestiti o portati a riserva, l'utilizzo e la destinazione di tali fondi è spesso soggetto a votazione, a meno di deleghe particolari a membri del direttivo dell'azionariato popolare/Supporters Trust.

Di proprietà e gestiti dai tifosi: nascono da una 'iniziativa ''dal basso'' dei tifosi e sono gestiti attivamente dagli stessi attraverso le votazioni, la partecipazione agli eventi e i contributi in termini di idee, proposte e suggerimenti.

Focalizzati sulla comunità: l'attività dell'azionariato popolare/Supporters Trust non riguarda solo i rapporti con il Club ma sviluppa una fitta rete di interazione con la comunità di riferimento, facendosi promotore di iniziative volte all'integrazione sociale e alla potenziale creazione di sinergie economiche che valorizzino, sfruttando l'effetto mediatico dei Club, l'economia e le tradizioni locali.

Giuridicamente riconosciuti ed a responsabilità limitata: Forme principali associazione, cooperativa o comitato

Non esclusivile quote di adesione devono essere sostenibili e accessibili a tutti, sono strutturate per consentire l'accesso all'associazione di tifosi a tutti indipendentemente dalla condizione economica del socio, per il quale esistono anche delle agevolazioni in funzione del proprio status sociale.

Responsabili, trasparenti ed aperti: la continua comunicazione che sviluppano ha come obbiettivo la massima trasparenza nelle attività svolte dall' azionariato popolare/Supporters Trust, sulla gestione dei fondi, per la quale spesso è prevista una rendicontazione mensile consultabile da tutti i soci, e sulle attività svolte in collaborazione tra i membri e il Club di riferimento.

Potenti abbastanza da influenzare e perfino aiutare la gestione dei club: indubbiamente il numero elevato di soci può incidere sulla forza con cui le proposte effettuate possano essere prese in considerazione, anche se, è bene ricordarlo, piccoli gruppi con grandi idee e proposte riescono a fare la differenza, il successo dell'azionariato popolare/Supporters Trust in larga parte deriva dall'attività dei suoi membri.

Flessibili abbastanza da poter operare con 100, 1.000, 10.000 o più membri: le strutture associative presentate garantiscono il principio della ''porta aperta'', non hanno limiti di presenze(che in alcune forme societarie richiedono la variazione di norme statutarie) e sono flessibili al punto di poter operare anche con un elevato numero di soci, grazie sopratutto allo sviluppo delle interazioni sui social network che consentono un contatto costante tra i membri.

Qui alcuni post consigliati sul tema delle iniziative di azionariato popolare(fanownership) realizzate delle associazioni di tifosi/Supporters Trust
http://infoazionariatopopolarecalcio.blogspot.it/p/blog-page.html

Un Club controllato da un Supporters Trust è definito Community Club(qui la lista di quelli del Regno Unito) se rispetta i seguenti principi cardine:

  • Il possesso di almeno un minimo del 50% +1 dei diritti di voto del Club da controllare da parte di un ente democratico che ha una partecipazione aperta e inclusiva(Supporters Trust)

  • Rispetto della democraticità con il principio di una testa un voto per ciascun membro a prescindere dall'apporto economico.

  • Rispetto del principio di Inclusività facendo in modo che la struttura dell'associazione e la richiesta di contributo economico non crei ostacoli sostanziali a partecipare, far si quindi che la possibilità di adesione sia aperta a tutti quelli che sono in sintonia con gli obiettivi del Club

  • Gli eventuali utili vengono reinvestiti all'interno della Club invece di essere distribuiti agli azionisti.

  • Il Club si impegna ad intraprendere un business sostenibile.

Qui la mappa dei Community Club del Regno Unito


L'attività dei Supporters Trust e azionariati popolari italiani li vede inoltre coinvolti in collaborazioni con soggetti europei in particolare Supporters Direct Europe che lavora con diverse cooperative nazionali al progetto europeo Improving Football Governance through Supporter Involvement and Community Ownership (Progetto europeo per migliorareil calcio coinvolgendo i tifosi nella proprietà e nella governance dei club).

Dalla collaborazione a livello europeo con tale progetto nel 2014 è nato ufficialmente il collettivo italiano degli azionariati popolari e Supporters Trust Supporters in Campo(SinC) che ha tenuto la sua prima Assemblea nazionale ad Ancona a Giugno.

Riflessioni a seguito della terza Assemblea Generale di “Supporters in Campo”(settembre 2016)

Assemblea Generale di “Supporters in Campo” (settembre 2016) Video1  Video2  LiveTW

Servizio di aqbox.tv sul convegno “CALCIO, TIFOSI E PARTECIPAZIONE: L’ESPERIENZA DEI SUPPORTERS’ TRUST” al 'Festival della Partecipazione'(Video)(Luglio 2016)

“Club e tifosi per una migliore gestione del calcio”, resoconto del primo workshop a Manchester 13-15 giugno(Giugno 2016)

Temi dell'incontro “Ancona, il calcio è dei tifosi” del 31 gennaio

Al via il progetto europeo “Club e tifosi per una migliore gestione del calcio”(Gennaio 2016)

Supporters in Campo partecipa al progetto europeo “Club e Tifosi per una migliore governance nel calcio”(Gennaio 2016)

Supporters in Campo, resoconto dell’assemblea annuale a Taranto 27-28 Giugno #SinC2015(Giugno 2015)

Assemblea annuale a Taranto 27-28 Giugno #SinC2015(Giugno 2015) Video1 Video2

Primo Workshop di Formazione per i “Supporters Liaison Officer” (SLO) dei Club di Serie B(Marzo 2015)

Riunione dei Supporters Liaison Officers(SLO) della Serie A(Febbraio 2015)

I Supporters' Trust italiani alla Loughborough University, U.K.(Ottobre 2014)

Supporters in Campo con Supporters Direct Europe alla 4° Conferenza UEFA contro la discriminazione(Settembre 2014)

Supporters Summit 2014 - Report -(Luglio 2014)

Supporters in Campo e Lega Serie B insieme per il Supporters Liaison Officer(Luglio 2014)


Supporters in Campo, 1^ Assemblea Annuale - Ancona 14-15 Giugno 2014

Qui l'evento di presentazione del progetto a Roma il 2 Marzo 2013:  workshop”Il cuore del gioco – La partecipazione dei supporters: una strada percorribile per il calcio”

Analisi sulla panoramica delle strutture di proprietà delle società di calcio di tutta Europa


Un po' di storia

Inghilterra : i Supporters’ Trust sono stati costituiti in più di 170 clubs, inclusi alcuni nella Premier League, come Manchester United, Arsenal, e Tottenham Hotspur, della Football League, Swansea City e Exeter City, e così verso il calcio semi-professionistico/dilettantistico con club come l’AFC Wimbledon e l’AFC Telford United. Il Trust più numeroso è quello del Manchester United, con oltre 180.000 iscritti. Di questi più di 110 Supporters’ Trust hanno una partecipazione nel capitale del proprio club. Per quanto riguarda l’organizzazione interna quasi 60 Supporters’ Trust hanno almeno un rappresentante all’interno del proprio club. Di questi, più del 50% sono direttamente eletti dai membri del rispettivo Supporters’ Trust. Questi gruppi hanno portato quasi 30 milioni di euro di nuove risorse finanziarie nel calcio solo attraverso le quote sociali. 15 club sono di proprietà o sotto il controllo dei rispettivi Supporters’ Trust, e per capire la portata di questo fenomeno basta vedere che i tifosi di quasi il 70% dei club nelle prime cinque categorie del calcio inglese, e delle prime quattro del calcio scozzese, hanno fondato un Supporters’ Trust, segno che il pubblico è seriamente intenzionato a entrare da protagonista nella vita dei club.(Dati Supporters Direct)

Qui i Community Club del Regno Unito






Wycombe Wanderers Trust Ltd - Wycombe Wanderers FC

Qui news sul tema nel calcio inglese

Post più rilevanti sui Supporters Trust del Regno Unito su:

Germania : In Germania, il fatto che la proprietà dei club sia di tipo cooperativo è ciò che ha permesso al calcio tedesco di essere il campionato europeo più redditizio, uno di quelli di maggiore successo e questo tipo di organizzazione imposta dalle istituzioni rappresenta un contesto ideale per lo sviluppo di modelli gestionali a proprietà diffusa. Fino alla fine degli anni 90 tutti i club tedeschi erano interamente associazioni, fino a quando ai club professionistici venne concesso il diritto di segregare le attività relative al calcio professionistico in una società di capitali, separata dalla casa madre (ovvero dall’azionista costituito come associazione di tifosi). Comunque, le associazioni di tifosi devono conservare la partecipazione di maggioranza nelle società di capitali. Questa regola c.d. “50+1” rende impossibile a investitori privati la scalata ai club tedeschi, ma permette un certo livello di investimenti esterni. All’interno di questi modelli proprietari è stato ottenuto un significativo coinvolgimento dei tifosi. HSV Supporters Club, la più grande sezione dell’Hamburg SV, con oltre 60.000 soci, fornisce good governance e rappresentanza democratica all’interno del club, a cui si aggiungono i 100.000 soci del Bayern Munich. (dati Supporters Direct)

Modello tedescoparte 1 e parte 2









Spagna : Nei primi anni ‘90 in Spagna quasi tutti i club professionistici la cui situazione economico-finanziaria era in perdita furono obbligati a trasformarsi da associazioni in “SAD”, società sportive per azioni, ovviamente cambiando in modo drammatico lo status dei tifosi.

E ora la situazione sta lentamente tornando al precedente status, con i tifosi, insoddisfatti della gestione dei loro club e desiderosi di migliorare trasparenza e gestione, che si stanno organizzando presso diversi club in associazioni di azionisti di minoranza o altre iniziative. Questi gruppi stanno contestando il modello proprietario che ha fatto arrivare le società calcistiche con l’acqua alla gola a causa di un indebitamento insostenibile, usando la leva politica e, attraverso il loro nuovo organismo nazionale, il FASFE, facendo pressione perché nel calcio spagnolo vengano reintrodotte le associazioni. Oltre ai citati club di Madrid e Barcellona sono diverse le realtà che si stanno organizzando per permettere ai supporters di entrare nelle gestioni societarie :

• Asociación de Pequeños Accionistas del Real Zaragoza
• Asociación Por Nuestro Betis
• Asociación de Pequeños Accionistas del Sevilla FC, SAD
• Asociación Señales de Humo (Atlético de Madrid)
• Asociación del Pequeño Accionista del Valencia CF
• Béticos por el Villamarín
• Associació de Petits i Mitjans Accionistes de l’Espanyol
• Asociación de Pequeños Accionistas/Aficionados de la Real Sociedad – Errealako Zale
eta Akziodun Txikien Elkartea
• Sindicato de Accionistas Minoritarios del Levante


Scozia: I supporters scozzesi dalla positiva esperienza dei Supporters Trust inglesi negli ultimi hanno anni intrapreso una strada parallela, e grazie alla collaborazione con Supporters Direct UK hanno dato vita al proprio coordinamento nazionale con Supporters Direct Scotland, ente nato lo scorso anno(2012, dettagli qui) che collabora e supporta oltre 30 Supporters Trust scozzesi.

Post più rilevanti sui Supporters Trust scozzesi


Hearts Supporters Trust - Heart of Midlothian FC

Pars Supporters Trust - Dunfermline Athletic FC